Il carrello è vuoto
BIRRA NOSTRALE
BIRRA NOSTRALE

Le birre

Le Birre
Eccola finalmente, nata dalla collaborazione con Filippo di Birra Lorem Ipsum. La nostra prima Tripel. Profumata e secca. Estremamente beverina.
Tranquilli amiamo ancora i nostri amati luppoli.
Le Birre
Stiamo per rifare la Spara Jurij, luppoature aggiustata per esaltare le note tropicali. Quindi kg e kg di luppoli soveni, americani e australiani.A breve per i dettagli!...
Le Birre
Novità in arrivo. Una strong ale in stile belga. Seguiteci per le novità.

Gli Eventi

Eventi
Nel periodo pre natalizio troverete il nostro stand al mercatino di Natale di Santarcangelo!Le date sono :• sabato 30 novembre e domenica 1 dicembre• sabato 7 e domenica 8• sabato 14 e domenica 15• sabato 21 e domenica 22Ci sarà la possibilità di realizzare cesti e regali con la birra e i prodotti d...
Eventi
Dal 31 ott al 3 nov saremo presenti a Cesena con Gusto 2019.

Vi aspettiamo


Eventi
Dal venerdì 29 alla domenica primo settembre ci troverete a Casarza Ligure dove quest'anno si terrà il Critical. Essendo Leivi inagibile. Cosa porteremo? Thunder Road, Anastasia, Danger Hop, Star69, Krasnaya. Qualche bottiglia di Yra. Vi aspettiamo tutti lì!...

Dove siamo - Birra Nostrale

Facebook Foto

Il dry hopping è una tecnica che si usa per dare alla birra aromi e profumi molto intensi, inserendo del luppolo fresco direttamente durante la fermentazione. Questa aggiunta può essere effettuata durante la prima fermentazione, la seconda fermentazione oppure direttamente nelle bottiglie.

Grazie al fatto che gli aromi volatili del luppolo non vengono dispersi durante la bollitura del mosto, il beneficio del dry hopping è che possiamo infondere alla birra degli aromi non replicabili altrimenti.

La mancata bollitura, ad ogni modo, è anche un potenziale inconveniente del dry hopping. Infatti, non essendo stato bollito, il luppolo non è sanitizzato. In realtà, il luppolo non è un veicolo ottimale per i batteri, inoltre se viene introdotto durante la fermentazione primaria i potenziali batteri non avranno vita facile a causa dell’attività vigorosa dei lieviti mentre se viene introdotto durante la fermentazione secondaria, l’alto contenuto di alcol e il basso livello di ph del mosto dovrebbero sopprimere la minaccia di crescita di batteri.

Il credo convenzionale è che l’inserimento alla prima fermentazione non sia ottimale, a causa dell’ebollizione dell’anidride carbonica prodotta nel periodo in cui i lieviti lavorano a tutta forza. Le conseguenze sull’aroma potrebbero infatti essere simili a quelle della bollitura del mosto. Per il dry hopping durante la fermentazione primaria solitamente se ne utilizza una quantità leggermente maggiore rispetto a quella che si userebbe con l’inserimento del luppolo nella fase successiva.

Come abbiamo visto nel precedente articolo il luppolo è disponibile in foglie (coni), pressato (plugs) o in pastiglie (pellets). I plugs sono nati appositamente per il dry hopping e hanno il vantaggio si essere facili da utilizzare. I pellets sono più efficaci ma potrebbero causare una reazione improvvisa, con produzione di schiuma e annesso trabocco di mosto, inoltre non è facile filtrarli, essendo composti di una polvere molto fine. Coni e plugs galleggiano sul mosto, mentre i pellets solitamente affondano. Questi ultimi, essendo più trattati, potrebbero anche aver perso alcuni dei loro originari aromi volatili.

L’efficacia del luppolo dipende dalla superficie che di esso va a contatto con il mosto.
Quindi adesso sapete cosa vuol dire la dicitura Dry Hop che potreste trovare su alcune nostre birre.

Torna alla pagina principale del Luppolo 

Whatsapp Telegram

Da oggi potrete avere news immediate tramite i nostri canali whatsapp e telegram.
Lasciate il vostro numero di telefono

Please let us know your name.
Inserisci il tuo numero di telefono
Valore non valido
Valore non valido

Nostrale newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo